Barcellona in 3 giorni

Barcellona è una di quelle città da non perdere, basta un weekend a Barcellona per innamorarsene. Sia i visitatori abituali che i residenti vi diranno che questa città offre qualcosa di nuovo ogni giorno, e strada per strada.

Per quelli di voi che non possono permettersi un lungo viaggio a Barcellona, abbiamo messo insieme una guida turistica di 3 giorni a Barcellona in cui potrete visitare i siti turistici più popolari di Barcellona.

Viaggiare a Barcellona in tre giorni, è possibile?

Non e’ impossibile, questo e’ certo. C’è davvero molto da vedere a Barcellona, ma cercheremo di condensare quasi tutto ciò che è importante in un itinerario di 3 giorni che sicuramente ne vale la pena, soprattutto se non ci sei mai stato.

Consigli per il tuo viaggio a Barcellona

La prima cosa che vi consigliamo di fare è di fare un po’ FREE TOUR a Barcellona . Questi tour sono fatti da persone esperte in città e durano circa 2 ore. Sono l’ideale per conoscere le attrazioni e guidarvi per continuare il vostro viaggio intorno a Barcellona. È facile prenotare un tour gratuito? E’ cosi’ semplice! Qui ti offriamo 2 Free Tour Free in spagnolo e tutto quello che devi fare è iscriverti e prenotare online.

Prenota il tuo TOUR – Centro de Barcelona – GRATISPrenota Ora>

Prenota il tuo TOUR MODERNISTA – La Barcelona Modernista GRATISPrenota Ora>

Se avete intenzione di trascorrere un solo fine settimana a Barcellona potete approfittare del City Pass di Barcellona . Questo è un pass online che include la visita a molte delle attrazioni che sono essenziali per il vostro viaggio, ad esempio potete entrare gratuitamente alla Sagrada Familia o al Parc Güel.

Include l’uso dell’autobus turistico di Barcellona, il tipico Hop On Hop Off. Vale a dire che si sale su un autobus panoramico che porta ai principali punti di interesse, si può scendere a godere di quel monumento e tornare su di esso per proseguire con la visita. Questo è molto pratico per viaggi brevi come il tuo.

Un altro vantaggio è che include il trasferimento dall’aeroporto a Barcellona.

Include anche sconti del 20% su diverse attrazioni tra cui possiamo evidenziare le visite al Camp Nou, Casa Mila, Casa Batllo e molto altro ancora….. Se lo usi correttamente con la Barcelona City Pass card, sarà quasi gratis. Il prezzo della carta Barcelona City Pass è di 69,50€ . Si può acquistare qui

Cosa vedere a Barcellona in 3 giorni

Vediamo, contiamo su di te che parti presto per Barcellona e ti godi di tre giorni interi in città, quindi inizieremo la nostra routine a partire dal primo giorno del mattino, per sfruttare al meglio i nostri tre giorni a Barcellona . Andiamo!

Guida della città di Barcellona: Giorno 1

Dai un’occhiata alla mappa di Barcellona e vedrai come le strade della città che portano alle montagne partono tutte da un nucleo di strade intricate. Questo nucleo è la Ciutat Vella , la “Città Vecchia di Barcellona”, e questa parte della città sarà al centro del vostro primo giorno. La zona offre un punto di partenza ideale per visitare Barcellona , in quanto non solo è stata lì fin dalle origini della città, ma è anche piena di luoghi emblematici.

Plaza de Catalunya e il mercato della Boquería

Inizia il tuo viaggio in Plaça de Catalunya, che si trova ai margini del centro storico. Dopo un po’ in piazza, dirigetevi verso las Ramblas , il viale alberato più famoso di Barcellona. Questa strada è sempre piena di turisti, quindi è facile lasciarsi trasportare dalla folla, al di là delle bancarelle di fiori e degli artisti di strada.

La vostra fermata più importante, tuttavia, sarà il Boquería Market , il più grande mercato alimentare d’Europa – il luogo perfetto per acquistare alcuni prodotti locali che volete portare a casa al ritorno.

Il quartiere gotico di Barcellona

E’ ora di girare a sinistra e dirigersi verso il Quartiere Gotico. Proprio accanto alle Ramblas si trova la splendida Plaza Real, un gioiello neoclassico che contiene la prima opera di Antoni Gaudí in città – i lampioni della fontana centrale. Cogliete l’occasione per prendere un caffè in una delle caffetterie della piazza.

Il Quartiere Gotico ha molte boutique uniche. Carrer de Ferran è particolarmente adatto allo shopping e alla fine di questa strada si trova la Plaça de Sant Jaume, un’altra piazza popolare a Barcellona. Qui si trova il Palau de la Generalitat, sede del governo catalano.

Godetevi il cibo come un locale

Hai fame? Beh, sei nel posto giusto per saziare il tuo appetito – ci sono molte possibilità nel centro storico. Nei dintorni di questa zona si possono trovare numerosi ristoranti di stili diversi, anche se probabilmente vorrete cogliere l’occasione in un ristorante che offre cucina tipica locale.

Il quartiere del Born

Dopo aver preso il vostro tempo dopo pranzo, l’idea migliore è quella di iniziare ad esplorare il quartiere del Born. Per diversi decenni, la zona è stata un alveare di attività artistiche e offre un’alternativa molto tranquilla per i turisti . Inoltre, è piena di storia. La chiesa di Santa María del Mar sul Paseo de Born è un pezzo austero, ma anche una meraviglia dell’architettura gotica. La storia di questa chiesa ha ispirato un romanzo premiato e le proporzioni del suo interno sono ampiamente considerate un esempio di architettura medievale per eccellenza.
.
La costa di Barcellona

Il modo migliore per concludere la giornata passeggiando e scattando foto senza sosta è quello di camminare per le strade della città fino alla stazione della metropolitana più vicina e dirigersi verso la costa. L’atmosfera rilassata di questa zona lo rende uno dei posti migliori della città per bere un drink e guardare l’orizzonte del mare al tramonto.

Ci sono un sacco di opzioni per la cena, soprattutto se siete in vena di pesce e frutti di mare. Non dimenticate che in Catalogna, come nel resto della Spagna, la gente tende a mangiare fino a tardi.

Guida della città di Barcellona: Giorno 2

Più di ogni altra città del pianeta, Barcellona è famosa per la sua architettura. Il primo giorno del vostro viaggio a Barcellona in 3 giorni vi ha mostrato in gran parte le origini di questa reputazione, poiché ci sono secoli di artigianato e storia condensati nelle parti più antiche della città.

Per vedere come si sono evolute queste radici, non possiamo pensare ad una scelta migliore che insegnarvi di più sul figlio più famoso di Barcellona, Antoni Gaudí. Dovremo andare nel quartiere dell’Eixample, dove si può vedere come il modernismo, il movimento più associato a Gaudí, ha lasciato un’eredità unica che definisce Barcellona, anche oggi.
L’ospedale più ornato del mondo?

Dopo una piacevole colazione, dirigetevi a nord dell’Eixample verso l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau. Quest’opera impressionante è stata progettata da Lluís Domènech i Montaner. Fino al 2009 era un ospedale attivo e oggi l’edificio è in fase di trasformazione in museo e centro culturale, ed è il primo di diversi siti che fanno parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO nella città.

La Sacra Famiglia di Barcellona

La Basilica della Sacra Famiglia è arrivata a definire Barcellona più di qualsiasi altro edificio. Nel corso della sua storia ha sempre attratto molti sentimenti, in alcuni momenti di adorazione e in altri di ripugnanza, ma fa comunque parte della sua storia.

L’intenzione di Gaudí quando creò la Sagrada Familia era di riscattare la sua città conflittuale con un’incredibile offerta artistica. Voleva anche celebrare non solo la gloria del suo dio, ma anche quella di tutta la creazione. Senza dubbio uno dei luoghi turistici più famosi di Barcellona.

La Casa Milà – La pedrera

Nel glamour Passeig de Gràcia , il prossimo lavoro di Gaudí è un po’ ostentato, ma vale sicuramente la pena dare un’occhiata prima di uscire a mangiare. E’ La Pedrera, conosciuta anche come Casa Milà. E’ una strana struttura ondulata. I suoi rari camini, le finestre ad arco e i balconi in ferro battuto incisero’ sicuramente nella vostra mente per gli anni a venire. E ora, mangiamo!

Una passeggiata nel Parc Güell

Dopo aver gustato delle tapas, in uno qualsiasi dei ristoranti di questo stile che si trovano a La Rambla, è ora di andare a un’altra opera di Gaudí: Parc Güell . Il parco si estende per oltre 15 ettari ed è situato ai margini del centro città.

Il progetto del parco è stato sponsorizzato dall’uomo d’affari Eusebi Güell, e doveva essere una città in miniatura per i cittadini più ricchi di Barcellona. Data la portata di questo piano, probabilmente non sorprende che non sia mai stato completato.

Oggi è uno degli spazi verdi più popolari della città, punteggiato da terrazze e sculture a mosaico, tra cui la fontana della Salamandra. Il parco ha una fantastica vista sulla città, così come innumerevoli angoli tranquilli dove ci si può rilassare per il resto del pomeriggio.

El Barrio de Gracia

Se volete vedere ancora di più della città, sulla via del ritorno al centro di Barcellona potete camminare attraverso il quartiere di Gracia . Oggi questa zona è un rifugio bohemien, ricco di boutique e piccoli bar e ristoranti. C’è stato un tempo in cui era un insediamento indipendente da Barcellona, e sembra ancora una piccola città a parte. E’ il luogo ideale per rilassarsi la sera al termine della seconda gita di un giorno a Barcellona.

Barcellona Guida: Giorno 3

Finora, nel nostro tour di 3 giorni a Barcellona abbiamo assorbito l’atmosfera della città vecchia e dei capolavori modernisti. Il nostro ultimo giorno, e’ ora di cambiare ritmo. Dirigiamoci verso le montagne – verso la lussureggiante area verde di Montjuïc, per la precisione. Anche se non molto alto, il Montjuïc si erge bruscamente dalla pianura su cui si trova il centro di Barcellona.

Il “Popolo spagnolo”

Dirigetevi verso il Poble Espanyol alle pendici del Montjuïc. È quattro volte più grande del campo di calcio del Barcellona, ed è un grande museo all’aperto composto da un intero villaggio di edifici che rappresentano ogni regione della Spagna. Una grande attrazione è il mercato dell’artigianato, con un sacco di piccoli laboratori dove è possibile acquistare alcuni souvenir del vostro viaggio in 3 giorni a Barcellona.
.
La magia di Miró

La Fondazione Joan Miró è la prossima località della lista. Fondata dal più influente artista catalano, lo stesso Miró, questa galleria è dedicata alla presentazione delle sue opere più importanti.

E’ un posto che non si può perdere, la galleria offre davvero una comprensione più profonda di questo artista, e per un audio tour in più lingue vale la pena di pagare un po’ di più.

Un pasto con fascino

Come si va più in alto a Montjuïc, e lontano dalla città, ci sono meno opportunità di trovare ristoranti. Un’opzione molto bella è quella di pianificare questo in anticipo e fare un pranzo all’aperto là fuori su uno dei pendii erbosi. Anche se si vuole mangiare in un ambiente più tipico c’è un ristorante che si trova proprio sotto la collina del museo Miró.

Il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna, l’ultima fermata

L’area intorno alla Plaza de Espanya è l’ultimo posto dove andrete per 3 giorni a Barcellona, e senza dubbio uno dei migliori della nostra breve visita a Barcellona. Andate all’ingresso dell’Avenida de la Reina Maria Cristina, situata tra due torri veneziane, e vedrete la vostra prossima destinazione in cima alla collina. Il Museo Nazionale d’Arte della Catalogna si trova nel grande Palazzo Nazionale, ed è l’ultima tappa del nostro percorso.

Dopo un po’ di tempo per visitarlo nei dettagli, sei libero di andare a bere qualcosa, rilassarti in hotel e fare un po’ di vita familiare, o andare ad un evento che coincide con la data del tuo viaggio. Riposati e rilassati, te lo sei meritato!

Conclusioni sulla visita a Barcellona in 3 giorni.

Barcellona è una di quelle città che vale la pena visitare se sei un appassionato di turismo artistico o architettonico, se ti piace il tipico cibo tapas mescolato con i paesaggi costieri e la gente che si gode l’acqua cristallina, o se vuoi semplicemente cancellarla dalla tua lista di luoghi da visitare prima di morire.

Speriamo che vi sia piaciuto il nostro viaggio di tre giorni a Barcellona , ci è piaciuto personalmente, e anche se abbiamo finito un po ‘stanco, il cambiamento di scenario a Barcellona è stato grande per noi. Senza dubbio ne è valsa la pena!

Sono stati interessati anche gli utenti che hanno visto la nostra guida di Barcellona in 3 giorni:

Deja un comentario