Asturie in 3 giorni

Le Asturie sono una provincia della Spagna molto famosa per i suoi monumenti storici, i suoi luoghi di interesse culturale e architettonico, gli edifici e i quartieri di un’altra epoca che sono durati fino ad oggi. Questo rende questo territorio un luogo ideale per fare un viaggio nelle Asturie in tre giorni, che è proprio quello che vi portiamo oggi.

 

 

Viaggiare nelle Asturie in 3 giorni, è possibile?

Tre giorni sono più che sufficienti per visitare la parte più interessante delle Asturie, non essendo una grande provincia, e questo ci permette di viaggiare tra le diverse città principali delle Asturie senza perdere tempo sui trasporti.

Cosa vedere nelle Asturie in 3 giorni

Nonostante ciò, le Asturie ha da belle ville costiere a luoghi naturali, luoghi che visiterete in questo viaggio per le Asturie in tre giorni lungo un itinerario di le tre città più importanti: Oviedo, Gijón e Avilés .

Itinerario delle Asturie, giorno 1: Oviedo

Anche se l’attrazione turistica più importante di Oviedo è il suo centro storico, non si dovrebbe lasciare la città senza avventurarsi nei suoi quartieri più recenti. Oviedo è in gran parte pedonale e offre ottimi negozi e posti per mangiare. Trovare cose da vedere e da fare a Oviedo non è mai un problema, e le aree intorno alla cattedrale contengono molte strade, edifici e piazze.

Cosa vedere a Oviedo?

La vecchia città di Oviedo

plaza de la catedral Oviedo

Nonostante le dimensioni di Oviedo e la sua prosperità economica, la parte vecchia della città è il luogo dove si concentra la maggior parte dell’attività turistica, per ovvie ragioni di interesse culturale, gastronomico e storico.

Il centro storico è stato accuratamente restaurato con grande impegno, e grazie a questo il visitatore può facilmente immaginare come erano le cose centinaia di anni fa in questa piccola città.

A causa del limitato numero di modifiche a cui il centro storico è stato sottoposto, rimane piccolo e compatto con la Piazza della Cattedrale nel suo cuore, che oltre alla Cattedrale stessa contiene anche altri tre importanti edifici: il Palazzo Camosagrado, la Cappella Balesquida e il Palazzo Valdecarzana.

Tutte sono tipiche dell’architettura civile della città e sono tutte costruite con pietra giallastra, piastrelle rosse, piccole finestre e balconi in ghisa. Prendetevi del tempo per visitarli e vederli tutti all’interno in tutta tranquillità, ne vale la pena. Quando hai finito, vai alla Cattedrale.

Cattedrale di Oviedo

La cattedrale di Oviedo è l’edificio più caratteristico e imponente della città, con un alto ago nel tetto che si estende verso il cielo e domina la città vecchia. Costruita con grandi blocchi di pietra, la cattedrale ha un impatto immediato su chiunque la veda.

La storia di questo luogo di culto risale a più di 1.000 anni fa, ai tempi dell’impero visigoto e del re Fruela. La prima chiesa costruita qui nel 765 d.C. fu distrutta dagli arabi, ma dopo la sconfitta dei musulmani nell’invasione delle Asturie, il re Alfonso II sostituì le rovine con una nuova chiesa e fu costruita la basilica di San Salvador. Questa basilica romanica e preromanica è stata mantenuta per diversi secoli ed è stata sviluppata e ampliata più volte prima di essere sostituita dall’attuale cattedrale.

Plaza de la Escandalera

Plaza de la Escandalera (Oviedo)

Proprio nel centro di Oviedo si trova la Plaza de la Escandalera, una grande piazza aperta che collega la città vecchia con quella nuova, creando un punto d’incontro perfetto per i turisti. Intorno a questa piazza ci sono un sacco di negozi e negozi, quindi è il luogo perfetto per portare con sé qualche souvenir.

La Plaza de la Escandalera contiene una grande fontana e una famosa scultura, la Maternidad, alta quasi due metri e fusa in bronzo.

Via Uría

Le più recenti e interessanti espansioni della città occupano un’area intorno a Calle Uría. All’interno di questo quartiere troverete di tutto, dalle boutique di design ai negozi che vendono tutti i tipi di prodotti tipici asturiani che la maggior parte dei turisti riportano nei loro luoghi di origine come souvenir per amici e familiari.

Se hai terminato il tuo itinerario di Oviedo all’inizio di questo primo giorno del tuo viaggio nelle Asturie in tre giorni, puoi andare in spiaggia per una passeggiata e rilassarti per un po’, o tornare per le strade del centro storico per un drink in un’atmosfera totalmente asturiana.

Itinerario delle Asturie, giorno 2: Gijón

Gijón si trova a poco più di mezz’ora (non più di 35 chilometri) da Oviedo. Con una storia che risale all’epoca romana, quando questa città era chiamata “Gigia”, questo luogo ha uno dei più grandi porti di imbarco in Spagna. Le prime notizie di Gijón si trovano nel V secolo, e oggi è una città prospera dove predominano gli sport e le attività di mare. Non invano, è considerata la capitale marittima delle Asturie, ed è quindi il secondo posto da visitare durante il nostro viaggio attraverso le Asturie in 3 giorni.

Cosa vedere a Gijón?

Il centro storico di Gijón

Casco antiguo Oviedo

Il centro storico di Gijón confina con il porto, che insieme alla pendenza del terreno permette di godere di una vista sul mare per il quale più di uno pagherebbe un buon pasto. Pertanto, gli edifici che si affacciano sul mare e sul porto turistico costituiscono la parte più imponente della città vecchia. Questa zona è dominata dal palazzo fortificato “Revillagigedo” e da una grande statua in una fontana di fronte ad esso. Da qui inizia la nostra visita a Gijón.

Palazzo Revillagigedo

Il Palazzo di Revillagigedo risale al XVII secolo, periodo di espansione a Gijón, in cui furono costruite molte strutture grazie al patrocinio reale della città, come il Palacio Valdés e il Palacio Ramírez de Jove.

Il progetto del palazzo di Revillagigedo rende evidente che in questo periodo della storia della città, la minaccia di un attacco dal mare è sempre stata una possibilità. L’edificio ha due grandi ali ed è volutamente impenetrabile. Come la maggior parte degli edifici più antichi di Gijón, è costruito in pietra.

Il porto di El Muse

Il porto commerciale di Gijón si chiama “El Musel”, ma c’è anche un porto più piccolo per le imbarcazioni da diporto, circondato dalla grande spiaggia di San Lorenzo e da altre nove spiagge, il che lo rende uno dei luoghi più turistici della città.

Oltre al traffico commerciale e turistico, El Musel funge da porto per numerose compagnie di crociera che vi si imbarcano per offrire gite di un giorno in tutta la regione.

Il promontorio di Cimadevilla

Cimadevilla

L’itinerario escursionistico più popolare per i turisti è la breve passeggiata attraverso il centro storico sul promontorio chiamato Cimadevilla Questa passeggiata può essere fatta facilmente in un’ora e copre la maggior parte del patrimonio di Gijón e dei suoi siti culturali come la chiesa di San Pedro, le terme romane o il villaggio di pescatori.

È un modo perfetto per abbassare il cibo durante il pomeriggio, e una volta terminato si può tornare sulla costa per rinfrescarsi in riva al mare, un passatempo che a Gijón è usanza non solo per i turisti, ma anche per la maggior parte degli abitanti di questa città. Cogliete l’occasione per riposare e rilassarvi per un po’, perché domani partirete per Avilés per fare l’ultima tappa di questo viaggio nelle Asturie in tre giorni.

Percorso attraverso le Asturie, giorno 3: Avilés

Avilés è considerata la terza città più importante delle Asturie in termini economici e demografici, ma è probabile che sia la prima nella lista dei turisti che visitano le Asturie, soprattutto perché è una delle città più belle della provincia.

Anche se Avilés si trova nel più piccolo dei principati delle Asturie, il suo tesoro architettonico è probabilmente il più attraente di tutte le città antiche delle Asturie e ha un gran numero di monumenti e attrazioni turistiche. E ‘il nostro ultimo appuntamento in questo viaggio attraverso le Asturie in 3 giorni , e senza dubbio una fermata utile.

Cosa vedere ad Avilés?

Il centro storico di Avilés

Casco historico de Avilés

Come molte città storiche della provincia, Avilés si è evoluta nel corso dei secoli e il centro storico nel centro della città è il principale luogo di incontro per i turisti.

Il centro storico di Avilés è costituito da un insieme variegato di piazze e strade, vecchie di diversi secoli. Essi ospitano gran parte del suo patrimonio architettonico e inizieremo con uno dei luoghi più popolari di questo centro storico, la Plaza de España.

Plaza de España

Uno dei principali centri turistici di Avilés è la “Plaza de España” da cui partono molte delle vie più antiche della città. Molte importanti città spagnole hanno una Plaza de España, e Avilés rimane fedele al tema come si può vedere.

La Plaza de España è il punto di partenza ideale per iniziare un tour di Avilés attraverso la città vecchia, ed è quindi il punto di partenza di molti gruppi di turisti che iniziano la loro esplorazione della città.

Il Palazzo di Ferrera

Que ver en Asturias

Ad un’estremità della Plaza de España, infatti, si trova un altro degli edifici più antichi di Avilés, il Palacio de Ferrera. Costruita nell’anno milleseicento, questa struttura in pietra si trova in un angolo della piazza, e anche se a prima vista non è un luogo che predomina per la sua bellezza, è senza dubbio uno dei luoghi turistici più importanti di Avilés per la sua storia.

Una volta finito di vederlo all’interno, andremo a Galiana e San Francisco streets, la fermata più importante in qualsiasi percorso turistico di questa città, e il luogo dove si concentra la maggior parte dell’attività di Avilés.

Le strade Galiana e San Francisco

La zona della Galiana e delle strade di San Francisco è senza dubbio una delle zone più attraenti della città, e ci sono anche una serie di attrazioni turistiche, come la Chiesa di San Nicola di Bari, l’elegante e molto decorato Palacio de Balsera e altri edifici colorati e interessanti.

Questi edifici variano per quanto riguarda i materiali di costruzione, ma sono certamente uno spettacolo architettonico per l’occhio. Sono stati costruiti tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, e hanno finestre decorate e bei balconi che hanno prevalso fino ai nostri giorni, nonostante la loro antichità.

All’incrocio tra Calle Galiana e Calle San Francisco si trova la Casa Municipal de Cultura, con un piccolo giardino di fronte. In questa zona vi consigliamo di rilassarvi e godere dell’atmosfera locale, poiché il nostro viaggio nelle Asturie in tre giorni termina qui.

Altri siti per il nostro itinerario attraverso le Asturie

E questo conclude il nostro viaggio nelle Asturie in tre giorni. Ci auguriamo che vi sia piaciuto, anche se se pensate che l’itinerario sia un po’ breve, potete completarlo con altre città costiere che vale la pena di visitare e che vi consigliamo di seguito.

Llanes , che anche se non è una città, è la città più turistica delle Asturie, e ha diverse insenature intorno ad essa.

Lastres , che sarebbe l’opzione migliore per un percorso gastronomico per gustare il miglior cibo locale in quanto è noto per avere ottimi ristoranti. Qui è stata registrata la serie “Doctor Mateo” i cui scenari hanno catturato l’attenzione degli spettatori, ed è che Lastres non è per niente di meno.

Luarca , una piccola città la cui attrazione turistica è il suo porto peschereccio e i suoi quartieri marinari.

E infine, Tapia de Casariego , la destinazione perfetta per gli amanti del surf, con spiagge meravigliose e un campionato di surf con un grande pubblico durante il mese di aprile.

Guia de Asturias en tres días

Anche gli utenti che hanno visitato la nostra guida delle Asturie in 3 giorni erano interessati:

Deja un comentario