3 giorni a Malta

In un’operazione impulsiva, una di quelle in cui non passa molto tempo tra la ricerca e la prenotazione, ci siamo trovati a organizzare un viaggio a Malta, in bassa stagione e senza una grande pianificazione. Siamo stati attratti dalla bellezza delle sue spiagge e dal fascino delle sue acque, ma ci siamo subito resi conto che è il suo patrimonio storico e il suo mix di influenze europee e arabe a renderla davvero irresistibile. Unitevi a me oggi per scoprire le migliori cose da vedere a Malta in tre giorni, un tour del meglio del meglio di questo arcipelago del Mediterraneo. Pronti a scoprire tutto il suo fascino? Come ho detto, è stato quest’ultimo aspetto, il mix culturale, a catturare la mia attenzione. Malta si trova a metà strada tra l’Europa e l’Africa. In ogni sua strada, nella sua lingua, nella sua gastronomia e persino nella sua caotica pianificazione urbana, è chiaro che Malta è un Paese di contrasti e influenze disparate. malta

Cosa vedere a Malta in 3 giorni

In questo articolo troverete sia una buona selezione delle migliori spiagge e zone costiere dell’arcipelago, sia un campione di luoghi monumentali e culturali da non perdere. Alla fine, la diversità è la chiave del successo, quindi diamo un’occhiata alle migliori cose da vedere a Malta in tre giorni!

Tre giorni a Malta 1° giorno

L’isola di Gozo

Iniziamo questo articolo sui migliori luoghi da vedere a Malta dalla magnifica isola di Gozo. Se prima ho accennato alle dimensioni ridotte dell’arcipelago maltese nel suo complesso, l’isola di Gozo, la seconda più grande del Paese, misura solo 67 chilometri quadrati. Le dimensioni, tuttavia, non vengono cedute con l’attrattiva. A Gozo si trovano alcuni dei luoghi più affascinanti e pittoreschi di tutta Malta. Prima di tutto vorrei darvi qualche indicazione su come raggiungere Gozo dall’isola principale. In linea di massima, avete due opzioni: Prendete un autobus dal luogo in cui alloggiate fino a Cirkewwa, sulla punta settentrionale dell’isola – da Sliema, dove si trovava il nostro hotel, era l’autobus 222 e ci voleva circa un’ora e mezza. Una volta arrivati, si può prendere il traghetto da Gozo. Tenete presente che all’andata non dovrete pagare nulla, ma solo salire. Al ritorno dovrete prendere i biglietti e pagarli (4,65 euro). Prenotate un’escursione con Civitatis sull’isola di Gozo e fatevi accompagnare all’andata e al ritorno. È più comodo (vengono a prendervi in albergo e organizzano tutto), ma anche più costoso. Una volta scesi dal traghetto potrete iniziare il vostro tour di Gozo, e appena fuori dalla stazione c’è una fermata dell’autobus da cui potrete girare l’isola. Le principali attrazioni di Gozo che abbiamo visitato (ce ne sono molte altre che non abbiamo avuto tempo di visitare o che non abbiamo ritenuto essenziali) sono le seguenti: La capitale, Victoria, è particolarmente nota per la sua Cittadella, un recinto medievale da cui si gode di una buona vista sulla città. Altri luoghi di interesse sono la Cattedrale dell’Assunzione, il Museo di Storia Naturale e il Bastione di San Giovanni. Xagħra e il tempio di Ggantija. Resti megalitici di oltre 5.000 anni, recentemente dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Qala. Un piccolo villaggio nella parte meridionale dell’isola che ci è piaciuto molto. Ha un’architettura molto bella, in cui spicca la chiesa parrocchiale. Baia di Ramla. È una delle migliori spiagge di Malta. Si distingue per la sua estensione, la sua sabbia rossastra e il suo stato selvaggio. Ve ne parleremo più avanti.

La Laguna Blu

La prossima tappa fondamentale da visitare a Malta (e forse la più iconica di tutte) è la Laguna Blu. Le sue acque cristalline da cartolina, l’ambiente selvaggio e le piccole imbarcazioni che vi navigano intorno hanno reso questa zona uno dei luoghi più ricercati dell’isola. E anche per coloro che potrebbero pensare «non è un problema», lasciate che vi dica che lo è. È un luogo unico e assolutamente idilliaco. Per i più curiosi, ci troviamo a metà strada tra Gozo e Malta (l’isola principale), sulla minuscola isoletta di Comino: meno di 4 chilometri quadrati di vero paradiso naturale. Grazie al colore delle sue acque, è un luogo ideale per praticare sport acquatici (snorkeling, immersioni, subacquea) e prendere il sole. Per raggiungere Comino si può scegliere di prendere una barca dal porto di Cirkewwa, lo stesso che porta a Gozo, oppure si può prenotare una crociera per l’isola di Comino e la Laguna Blu.

La Valletta

La Valletta è una vera bellezza e uno dei luoghi più belli da vedere a Malta. Questo è tutto. Un gioiello urbano e monumentale ricco di luoghi incantevoli, strade curate e viste panoramiche mozzafiato. È la più piccola capitale europea: ha circa 6.000 abitanti ed è più simile a un piccolo villaggio fiabesco che a una città. Sembra difficile credere che, nonostante il suo fascino inconfondibile, non sia una delle visite preferite da tutti i turisti che si recano a Malta. Devo ammettere che arrivarci è stata una boccata d’aria fresca. Sembra un’isola nell’isola. Se nel resto del Paese vige la regola del «qualunque cosa, ovunque», non appena si mette piede a La Valletta ci si rende conto che qui tutto sembra seguire uno schema diverso. Le strade sono molto curate, tutto è assolutamente immacolato, gli edifici sono in un fantastico stato di conservazione ed è un vero piacere camminare e passeggiare. Che peccato che sia così piccola! Se siete alla ricerca di luoghi specifici da visitare a La Valletta, ecco una selezione di alcuni dei miei monumenti preferiti: la Porta della Valletta, il Palazzo del Gran Maestro, sede della presidenza della Repubblica, la Concattedrale di San Giovanni, con il suo esterno modesto e l’affascinante decorazione interna, l’Ostello di Castiglia, i Giardini di Barraka e il Forte di San Telmo. Poiché la stazione degli autobus si trova all’ingresso della città, non dovreste avere molte difficoltà a raggiungerla. Ma non dimenticate di trascorrervi almeno una mattina o un pomeriggio: ne vale la pena!

Tre giorni a Malta: 2° giorno

Mdina

La prossima tappa da non perdere a Malta è Mdina, il gioiello architettonico del nord-ovest dell’isola. Questa città, ex capitale del Paese (fu trasferita a La Valletta nel 1570), mostra attraverso le sue strade e il suo patrimonio storico e culturale che conserva ancora parte del suo antico splendore. Scenario di Game of Thrones, come molti altri luoghi dell’arcipelago maltese, in questa cittadina di meno di 300 abitanti non si possono perdere l’imponente Cattedrale di San Paolo, la Porta di Mdina, il Palazzo del Gran Maestro Vilhena o il Palazzo di Santa Sofia. Come se non bastasse, a pochi metri da Mdina si trova Rabat, un’altra bellissima città nota per ospitare le catacombe di San Paolo e Sant’Agata, un enorme complesso funerario di epoca romana. Oltre a questi, non perdetevi la Basilica di San Paolo e il Museo Wignacourt. Ci sono diverse opzioni per visitare Mdina, ma la più semplice di tutte (e quella che consigliamo) è prenotare un tour di Mdina con Civitatis. È conveniente, confortevole e molto completo. Naturalmente, avete anche la possibilità di utilizzare il sistema di autobus maltese per raggiungere Mdina.

Marsaxlokk

Un’altra tappa obbligata a Malta è Marsaxlokk. Questo piccolo villaggio di pescatori, situato nel sud-est dell’isola e dal nome complicato, è uno dei luoghi più affascinanti di tutto il Paese. Si può arrivare in auto o in autobus (nel nostro caso c’erano due autobus da Sliema: il 13 e l’81). Vale la pena di camminare (e parecchio) per goderselo per qualche ora. Lo spettacolo più tipico di questo villaggio di pescatori sono le piccole barche colorate, chiamate luzzus, che si trovano in tutta Malta, anche se a Marsaxlokk sono più numerose. Accanto al porto si trova un mercato delle pulci dove si vendono vari oggetti di artigianato, souvenir e altri articoli turistici. Ci sono anche molti bar e ristoranti dove si può gustare il prodotto tipico della zona: il pesce. In ogni caso, sono le vedute del porto e il fascino delle sue barche che vi faranno cadere ai suoi piedi.

Sliema

Ci spostiamo nuovamente nei dintorni della baia di La Valletta per continuare a scoprire un altro dei luoghi più turistici di Malta: Sliema. Negozi ovunque, bar, fast food, il più grande centro commerciale dell’arcipelago e molti hotel e appartamenti. Chi immaginerebbe, però, che l’attrazione principale di questa città è il suo lungomare, diversi chilometri lungo le rive del Mediterraneo che offrono una fantastica (e imbattibile) vista panoramica su La Valletta, situata sull’altro lato della baia. Solo per la vista vale la pena di visitarla! Un’attività molto affascinante che consigliamo è quella di prendere il traghetto che parte dal porto di Sliema e attraversa la capitale maltese. Il viaggio dura pochi minuti e costa 1,50 euro a tratta e 2,60 euro a/r. Se ci si siede in cima alla barca, si può anche godere della fantastica vista panoramica di cui ho parlato prima. Da non perdere! Nel nostro caso, abbiamo scelto Sliema per due motivi. Il primo è la sua posizione centrale rispetto a molte delle attrazioni imperdibili di Malta. Il secondo è l’innegabile buon rapporto qualità-prezzo. Sliema offre una fantastica gamma di hotel, a prezzi molto buoni e con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Detto questo, non mi resta che consigliarvi di visitare il nostro articolo su dove alloggiare a Malta, dove vi diamo molti consigli e informazioni interessanti.

Tre giorni a Malta: 3° giorno

Baia di Ramla

Se avete letto il nostro articolo sui consigli di viaggio per Malta, saprete già che questo Paese e le sue zone costiere sono ingannevoli. Le spiagge di Malta sono poche e poco frequentate, per lo più rocciose, lontane dalle principali zone turistiche e di difficile accesso. Dopo averne visitati molti, posso dire che Ramla Bay è un’eccezione. Questa spiaggia sabbiosa sulla costa nord dell’isola di Gozo è probabilmente la nostra preferita. Acque grandi e limpide, selvagge, molto tranquille e in un ambiente idilliaco: cosa si può chiedere di più? Oltre a quanto vi dicevo prima, la sua principale attrattiva risiede nel colore della sua sabbia. Una sorta di tono rossastro che, con il contrasto verde dell’ambiente in cui si trova e i raggi del sole che si proiettano sull’acqua, gli conferisce un tocco esotico. Ma lasciatemi dire che non è stato facile raggiungerlo. Se, come noi, scegliete di non noleggiare un’auto, sappiate che dovrete prima prendere il traghetto per Gozo, poi raggiungere Victoria, la sua capitale, e infine arrivare a Ramla Bay. In ogni caso, un viaggio di due ore vale più che bene.

Copiscua, Birgu e Senglea

Infine, un’altra tappa obbligata a Malta sono le tre città fortificate di Copiscua, Birgu e Senglea, tutte e tre situate di fronte a La Valletta. Il nostro primo incontro con loro è stato proprio nella capitale. Dai Giardini Alti di Barraka si gode di una fantastica vista panoramica su queste tre città, che non potrà che convincervi a visitarle (o almeno così è stato nel nostro caso). E non è stato tempo perso. Sono assolutamente bellissimi. Nonostante siano stati pesantemente danneggiati nel corso della Seconda Guerra Mondiale, rimangono tre dei luoghi più belli che si possano visitare in tutta Malta. Secondo noi, Senglea, Copiscua e Vittoriosa sono un pacchetto completo, visitatele tutte e tre perché ognuna ha un carattere leggermente diverso dall’altra che vi conquisterà.

Malta in 3 giorni PDF – SCARICA LA GUIDA

È possibile scaricare questa guida turistica di Malta in PDF per averla a portata di mano durante il viaggio, stampata o sul proprio smartphone, senza doversi collegare a Internet. SCARICA LA GUIDA MALTA PDF  Anche gli utenti che hanno visto la nostra guida Bari in 3 giorni erano interessati: